CURRICULUM ASSOCIAZIONE FINO AL 2017

CHI SIAMO e COSA FACCIAMO
Siamo un’associazione di volontariato senza fine di lucro, apolitica ed apartitica, che sia adopera, quotidianamente, per migliorare le condizioni sociali delle persone con disabilità (bisogni espressi e non espressi), battendosi per la rimozione degli ostacoli fisici (barriere architettoniche), mentali (barriere culturali), delle barriere visive e della comunicazione, nonché per migliore la condizione delle persone che vivono in condizioni di svantaggio economico.
Per razionalizzare al meglio i nostri interventi ed attività ci siamo prefissati il seguente PROGRAMMA OPERATIVO:
1.   Fase cognitiva/riflessiva: cercare ed individuare, in linea generale, le varie tipologie di problemi ed i soggetti che dicono e/o sono ritenuti “disabili”, “anormali”, “speciali”, etc.;
2.   Fase di studio: studiare, approfondire, monitorare le tipologie oggettive (per casi) e soggettive (per individui), ricercando le cause dei problemi rilevati e valutando gli effetti riportati;
3.   Fase di azione: attuare tutti i mezzi a disposizione dell’Associazione, quelli offerti dagli Enti pubblici e/o privati, al fine di risolvere materialmente le cause dei problemi innanzi riscontrati e studiati;
4.   Fase propositiva: proporre in tutte le sedi più opportune tutte le modifiche, riforme, nuove leggi, al fine di migliorare, attraverso interventi mirati, la qualità della vita di tutti coloro che versano in una situazione di “fragilità”.
La nostra sede, corrente in Taranto alla Via Cugini n. 39/40, indicativamente, aperta tutti i giorni (a volte, anche i festivi)  dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 19:00, e, presso di essa svolgiamo le seguenti attività: dibattiti pubblici, ludico-ricreative, incontri di auto aiuto, laboratorio di oggettistica – link video: http://controlebarriere.blogspot.it/2016/12/blog-post.html, progettazione, sportello informativo, supporto e disbrigo pratiche, nonché consulenza per l’eliminazione delle barriere architettoniche, socio-sanitaria, consulenza legale e fiscale.
Mentre, all’esterno di essa: manifestazioni pubbliche; riunioni con enti pubblici e/o privati; sostegno psicologico e materiale ai diversamente abili presso i loro domicili; consulenza per l’eliminazione delle barriere architettoniche; consulenze di professionisti in materia presso i domicili dei diversamente abili.
CRONOLOGIA delle ATTIVITA’ più significative SVOLTE
dall’ASSOCIAZIONE “CONTRO LE BARRIERE”dal 2000 al 2016
Nei primi tre anni della costituzione (2000/2001/2002), concentriamo il nostro operato con campagne di sensibilizzazione sulle barriere architettoniche esistenti nella città di Taranto, che hanno indotto il Comune a rimuovere le barriere architettoniche, a creare degli scivoli ed a rendere fruibili alcuni uffici comunali.
Nel 2003, in concomitanza dell’Anno Internazionale del Disabile, partecipiamo attivamente ai lavori della Conferenza Nazionale dell’Handicap (15, 16 e 17 febbraio), organizzata a Bari, presso gli stand della Fiera del Levante di Bari.
Inoltre, organizziamo, il 2 ed il 3 maggio, dei dibattiti pubblici, presso la Biblioteca Comunale di Taranto denominato Una città per tutti. Nella prima giornata, la Commissione Consiliare “Servizi” del Comune di Taranto decide di essere presente, come anche una rappresentanza dell’Assessorato ai Servizi Sociali, mentre nella seconda giornata erano presenti i rappresentanti della Polizia Municipale, dell’A.M.A.T. (Azienda Municipalizzata Trasporti). Il risultato di questo dibattito, fu nel ricevere dai rappresentanti istituzionali presenti, impegni presici, come l’istituzione della Consulta delle Associazioni dei disabili (H) e l’accessibilità alle spiagge.
Tanto che, il 9 maggio, viene ratificato il regolamento della Consulta, ed il 3 giugno, l’Assessore alle Risorse del Mare, decise di effettuare dei sopralluoghi, dove sarebbero state situate le passerelle di accesso al mare, coinvolgendo tre rappresentanti delle associazioni di disabili (uno di questi fu il Presidente della nostra Associazione). A tal proposito, il 2 settembre, le Associazioni consegnano all’Assessore alle Risorse del Mare e dei Servizi Sociali, la relazione dei sopralluoghi effettuati sulle spiagge pubbliche e private nel mese di luglio, al fine di creare un protocollo d’intesa tra le associazioni di disabili e gli enti preposti che, si sarebbe costituito tra il mese di settembre ed ottobre, come accordi intercorsi con altre associazioni di disabili. Purtroppo la macchina amministrativa, bloccò questa iniziativa, perché l’Assessore alle Risorse del Mare fu destituito ed il successivo non dimostrò nessun interesse in merito.
Pertanto, il 13 marzo 2004, organizziamo, presso la nostra sede sociale, un dibattito pubblico denominato “Una spiaggia per tutti”, al quale partecipano il rappresentante del Sindacato degli stabilimenti balneari e l’ex Assessore alle Risorse del Mare, il quale intervenne ricordando il suo impegno per questa causa e, che fu impossibilitato a proseguire nel suo impegno.
In questo caso l’esito di questo dibattito non fu quello atteso, perché questa problematica fu del tutta elusa dall’Amministrazione Comunale.
Nell’ottobre del 2005, partecipiamo alla 1ª Rassegna del Volontariato e della Solidarietà, un evento che si ripeterà ogni anno e, al quale siamo stati sempre in prima linea nel dare un nostro contributo alla riuscita di queste manifestazioni. In questa, viene inserita una nostra iniziativa: la 1ª Passeggiata in carrozzina, al fine di manifestare la presenza di persone che hanno lo stesso diritto come tutti di vivere e muoversi nella nostra città.
Invece, nella 2ª edizione dell’anno 2006, con l’Assessore alla Solidarietà della Regione Puglia, consegniamo dei computer a disabili che hanno usufruito della nostra consulenza nell’istruire le domande, nell’ambito del Bando Sax II della Regione Puglia.
Il 22 aprile 2008, il Presidente della nostra Associazione, viene nominato all’unanimità dei rappresentanti delle Associazioni di disabili presenti, Presidente della Consulta “H” del Comune di Taranto e provvede con le Associazioni aderenti alla citata Consulta a cambiare la denominazione in Consulta sulla “Fragilità” ed a redigere un regolamento (approvato dalla Giunta del Comune di Taranto il 30.11.2009) che, a differenza di quello esistente, rendeva la Consulta un organo più autonomo dall’Amministrazione comunale.
Il 1° dicembre 2009, attiviamo, un Centro telefonico e telematico per la disabilità, il quale ha offerto per circa un anno, a titolo gratuito, consulenza legale e sociosanitaria alle persone con disabilità e alle loro famiglie, ma anche alle associazioni.
Il 14 agosto, viene inaugurata una passerella in una spiaggia dell’Isola Amministrativa (Marina di Lizzano) del Comune di Taranto, al fine di agevolare l’accesso ai diversamente abili, grazie ad un lavoro di collaborazione tra la nostra Associazione ed il Comune e di Taranto.
Il 25 agosto 2010, attraverso, una conferenza stampa, rendiamo pubblico l’apertura del “Centro Fabiana“, un progetto approvato nell’ambito del “Bando per la perequazione sociale 2008” e finanziato con fondi di un protocollo d’intesa tra le fondazioni bancarie ed il volontariato.
Questo progetto, durato due anni, prevedeva attività ludico-ricreative per bambini dai 3 ai 12 anni; l’apertura di un centro di ascolto per genitori, nel quale veniva offerta periodicamente consulenza legale, fiscale e pediatrica, a cura di professionisti in materia; l’attivazione di un centro di aggregazione e socializzazione che, organizzava cineforum, dibattiti ed eventi culturali. Tutte queste attività venivano svolte a titolo gratuito, presso la nostra sede ogni lunedì e giovedì dalle 17.00 alle 20.00.
Nel mese di agosto 2012, comunichiamo alla cittadinanza che, nell’Isola Amministrativa del Comune di Taranto (Marina di Lizzano), in prossimità della passerella che facilita l’accesso alla spiaggia ai disabili che, ogni anno (dal 2009) il Comune allestisce, sono stati predisposti due parcheggi riservati ai disabili, grazie ad un nostro sollecito.
Nella 8ª edizione della Rassegna provinciale del Volontariato e della Solidarietà (27 e 28 ottobre) viene proiettato un video da noi assemblato e confezionato, nel quale vengono riprodotte le medaglie vinte dagli atleti italiani diversamente abili, durante le Paraolimpiadi 2012.
Nell’anno 2014, nell’ambito del Bando della Regione Puglia “Puglia Capitale Sociale”, ci viene approvato il progetto “Ma(D)re” che, ha avuto inizio il 5 maggio ed è terminato il 5 luglio 2015.
Il significato del titolo è relativo al godimento del bene comune “mare” anche alle persone con disabilità, per questo nel titolo figura una grande “D” in maiuscolo chiusa in una parentesi, perché a loro,  ancora oggi, è inaccessibile la risorsa mare, con spiagge poco o nulla attrezzate, in riferimento  specifico a quelle della provincia di Taranto. Come, anche, alcune strutture pubbliche e private di svago e di altro genere.
Il progetto “Ma(D)re”, è riuscito a raggiungere l’obiettivo principale, rendendo i diversamente abili protagonisti del loro destino, valorizzando le  loro capacità personali (residuali e recuperabili), familiari, di gruppo e di rete, riuscendo a realizzare insieme ai normodotati ben 20 iniziative, che hanno coinvolto più di un migliaio di persone (volontari, studenti, docenti e destinatari diretti e/o indiretti), migliorando, così, il “benessere equo-sostenibile” degli abitanti della provincia jonica.
Il 27 aprile 2016, organizziamo, con la collaborazione di altre Associazioni, “Oltre il muraglione della indifferenza” (dalle ore 10:00 alle 23:00), un evento organizzato all’esterno della nostra sede sociale, che ha previsto una presentazione di un libro autobiografico di un diversamente abile di (Lucio Martellone), una rappresentazione coreografica di “The Wall” da parte degli utenti del Centro diurno “Chicco di grano 3”, uno spettacolo circense dei “Meno per Meno Show”, la narrazione del “Il paese di Bellosguardo” a cura del Teatro Crest, ed, in conclusone,  esibizioni musicali dei “Diversamente blues”, del “Duo Mari” ed altri artisti locali.
Il titolo di questo evento, ha messo in evidenza come dei cittadini, perlopiù diversamente abili, con la buona volontà, gratuitamente e volontariamente, senza chiedere nessun contributo economico ad enti pubblici e/o privati, possono cambiare questa città, animandola delle sue capacità intrinseche.
Pertanto, questa iniziativa tende ad oltrepassare “il muraglione” che, simbolicamente, crea “indifferenza” nei confronti dei cittadini in condizioni di fragilità sociale ed economica, nonché, tarpa le ali ad una rinascita solidale e partecipata di tutti i cittadini, indistintamente dalle loro condizioni fisiche, mentali ed economiche.
Inoltre, con questa manifestazione, abbiamo voluto far emergere alcune capacità nascoste e non valorizzate di questa città, attualmente, martoriata dai veleni della grande industria, dal male affare e dal mal costume dilagante in tutti i settori della vita sociale.
Ispirati da questo intento, il 22 ed il 23 settembre, nell’ambito della Rassegna Estiva 2016 del Comune di Taranto, in collaborazione con le stesse Associazioni di “Oltre il muraglione”, presentiamo “diversArte”, dove artisti tarantini, gratuitamente, hanno esposto quadri, strisce fumettistiche, foto e manufatti; hanno fatto visionare cortometraggi, film, video e slide; e, si sono esibiti in reading di poesie e brani musicali.
Anche, con questo evento, abbiamo voluto, dimostrare, come anche, dei cittadini in condizione di fragilità possano ricoprire un ruolo attivo nella rinascita culturale di questa nostra città, superando quelle barriere che creano indifferenza, ignoranza e rassegnazione.
Concludiamo l’anno 2016, con la “Marcia della sopravvivenza” svolta il 3 dicembre, nella giornata internazionale dei diritti dei diversamente abili, svolta con l’apporto di altre Associazioni e di volontari a titolo personale.
A questa Marcia, hanno partecipato persone in carrozzina, in bicicletta ed a piedi, per rivendicare il diritto dei diversamente abili di potersi muovere liberamente nella propria città, superando gli ostacoli fisici (barriere architettoniche) e mentali (barriere culturali).
Per dare seguito a queste rivendicazioni, abbiamo deciso di comune accordo con le Associazioni promotrici di chiedere al Sindaco del Comune di Taranto ed al Presidente della Regione Puglia, un incontro pubblico, per creare un tavolo di permanente concertazione per risolvere le problematiche dei diversamente abili di tutta la Regione, non solo relative alla mobilità.
Pertanto, ci auguriamo che all’inizio del 2017, detto incontro venga realizzato e che vengano intraprese iniziative lodevoli.

link video: http://controlebarriere.blogspot.it/2016/12/blog-post_4.html

Il 26 maggio 2017, presso il Politeama Vinelli a Talsano, si svolge la 1ª edizione di “Musica per la Solidarietà”, promosso dall’Associazione Contro le Barriere, dalla Fidas Taranto, dal Gruppo della Protezione Civile di Taranto, dalla Cooperativa Sociale Pam Service, dall’Associazione Culturale Hermes Academy, dall’Associazione di Promozione Sociale Progentes, dall’Associazione Sherwood di Grottaglie, dal Comitato Strambopolis, dal WWF Taranto ed dai Meno per Meno Show, sponsorizzato dal Lido San Michele (Viale del Tramonto – San Vito), dalla Nuova Ortopedia Italiana, la Vibrotek, dalla Gioielleria Narcisi e da Studio 100, nonché patrocinato dal Centro Servizi per il Volontariato di Taranto.
Il presente evento musicale che, avrà una cadenza annuale, ha lo scopo di dare più visibilità e valore alle attività sociali e di volontariato che svolgono alcuni sodalizi del nostro territorio.
Il tutto, al fine di superare le differenze fisiche e sociali delle persone, finalizzato all’auspicata inclusione sociale, sensibilizzando l’opinione pubblica all’accettazione delle diversità, come valore aggiunto e non dequalificante.
Questa 1ª edizione, ha puntato i riflettori sull’accessibilità dei diversamente abili alle spiagge che, dall’anno scorso è facilitata presso il Lido San Michele a Viale del Tramonto (S. Vito – Taranto), perché l’Associazione “Contro le Barriere” ha messo a disposizione due carrozzine da mare.
A queste due carrozzine, quest’anno si aggiungerà un sollevapersone, per quelli che necessitano di effettuare il cambio di carrozzina, grazie alle offerte ricevute dai partecipanti a questo evento.
Al presente evento, si sono esibiti insieme all’ospite speciale Mimmo Cavallo (ospite speciale) 5 gruppi musicali locali (Cheerful Insanity, Free Blues Trio, Spettri, Glom e Trio Mari), intervallati da momenti, nei quali i sodalizi promotori, attraverso video, interventi e testimonianze, hanno esposto le loro principali attività ed interventi, come la raccolta di sangue, la sicurezza del territorio, l’assistenza sociale, la promozione del turismo sociale, i diritti civili, la salvaguardia dell’ambiente e la giustizia sociale.
Qui di seguito i link dei seguenti video:
  promozionale https://youtu.be/IutGrr4lmf8
  sintesi concerto https://youtu.be/TvlW7mJSs5s
  contributo Associazione “Contro le Barriere” https://youtu.be/E7TVYyvPx40
  contributo Cooperativa Sociale “Pam Service” https://youtu.be/LXKaV5R1oQw
A termine di questa cronologia, ci sembra doveroso elencare e ringraziare i seguenti sodalizi che, in tutte queste attività ci hanno accompagnato e condiviso le nostre iniziative:
Il Gruppo di Protezione Civile Taranto; la Comunità Terapeutica “Il Delfino”; FIDAS Taranto; WWF Taranto; Jonian Dolphin Conservation; la Cooperativa Pam Service; gli Istituti scolastici “Liside” e “V. Calò”; ACI Taranto; i Comitati 16 novembre, Cittadini Liberi e Pensanti e Strambopolis; il Teatro Crest; le Associazioni “Sherwood”, “Contramianto ed altri rischi onlus”, “Progentes”, “Marino Abbracciavento”, “Crescere Insieme”, “Hermes Academy”; i Meno per Meno Show; la Vibrotek srl, la Nuova Ortopedia Italiana, Gioielliera Narcisi, Liso San Michele, Fonoudito srl e Studio 100; Mimmo Cavallo, Cheerful Insanity, Free Blues Trio, Spettri, Glom e Trio Mari;
nonché i seguenti amici: Lucio, Letizia, Angelo L., Angelo C. ,Cristina, Iole, Nicola, Gianmichele, Lia, Mino, Jo, Giovanni F., Giovanni G., Bartolomeo, Gianluca, Luigi, Antonio, Pino, Cataldo, Rosanna, Michele, Paola, Massimo, Carlo, Mariella, Rita, Charlie, Marco, Raffaele, Mimmo, Maria Luisa e altri di cui ci dispiace non ricordare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *