Il diritto all’istruzione è negato alle persone con difficoltà economiche

Pubblichiamo una missiva della madre di una bambina di Taranto che quest’anno dovrebbe frequentare la prima classe di media inferiore, di cui sarà omesso il nominativo per motivi di privacy, inviata agli Assessore ed ai Dirigenti dell’Istruzione del Comune di Taranto e della Regione Puglia, nonchè alla Commissione Istruzione della Regione Puglia.

La sottoscritta ……, in data 20.08.2018, ha inoltrato l’istanza sulla piattaforma “Sistema Puglia” per l’assegnazione del beneficio relativo alla fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo, per sua figlia ….., come da Avviso della Regione Puglia, di cui si allega copia del riscontro.

Dopo aver inviato la domanda in oggetto, la scrivente, si è recata presso la Direzione Pubblica Istruzione del Comune di Taranto, presso la quale ha appreso che del contributo assegnato ne sarà messa a conoscenza solo dopo il 20.09.2018, data nella quale scade il termine della presentazione delle istanze alla Regione Puglia.

La sottoscritta, ricevendo detta notizia e non sapendo cosa fare per essere certa che sua figlia possa cominciare il 17 c.m. il ciclo scolastico con i testi scolastici previsti, che per le sue condizioni economiche precarie (solamente titolare di pensione di invalidità ed di indennità di accompagnamento) non li potrà acquistare, ha fatto inoltrare al suo convivente ….., anch’esso nelle stesse condizioni economiche, in data 31.08.2018, le seguenti faq alla piattaforma “Sistema Puglia”, che vengono qui di seguito riportare con le risposte ricevute.

  • Domanda: Non avendo la possibilità di acquistare i libri entro il 17 c.m. come devo procedere?
  • Risposta: Non e necessario aver acquistato i libri per la presentazione della istanza on line. In questa fase deve solo compilare la domanda cosi come indicato nella procedura guidata illustrata nella guida utente “iter procedurale”. La successiva fase di erogazione del beneficio attiene ai competenti uffici comunali secondo le modalità da essi stabiliti (generalmente nelle stesse modalità degli anni scorsi). Pertanto compili la domanda, e successivamente, dopo la scadenza dell’avviso, si rechi presso gli uffici comunali competenti
  • Domanda: Ma se l’avviso scade il 20 c.m., che faccio in attesa, mando mia figlia a scuola senza libri?
  • Risposta: Se vuole usufruire del contributo libri di testo deve compilare l?istanza on-line entro il 20 settembre. In questa fase le ripeto non e necessario allegare gli scontrini , ma solo compilare l?istanza
  • Domanda: La domanda l’ho inoltrata il 20 agosto, ma continuate a tergiversare, la domanda e chiara: mia figlia incomincerà la scuola il 17 settembre, l’avviso scade il 20 settembre e dopo questa data quale importo mi sarà concesso per l’acquisto dei libri, nel frattempo, non avendo i soldi per comprarli mia figlia andrà a scuola senza libri?
  • Risposta: Lei temo non capisca. Non e in queste faq che si deve rivolgere, ma al proprio Comune di residenza che provvederà a erogare il beneficio a coloro che avranno presentato istanza su questa piattaforma.
  • Domanda: Il contributo va erogato anche se si comprano libri usati?
  • Risposta: Le regole sulla erogazione del beneficio vengono determinate dal Comune di residenza. Dopo la scadenza dell’avviso si rechi ai competenti uffici comunali

Pertanto, non avendo potuto ricevere risposte esaustive, la sottoscritta chiede alla Gent. Ma SV come assicurarla che la propria figlia ….. entro il 17 c.m. , data di apertura dell’Istituto ….. di Taranto (istituto frequentante), possa ottenere i libri scolastici, al fine di non subire eventuali discriminazioni dovute alle esigue condizioni economiche in cui versano i loro genitori.

L’Avviso pubblico della Regione a cui fa riferimento la Signora, lo potete visionare al seguente link:

Riguardo a questo avviso ci sono delle considerazioni da fare, a nostro parere, anche in virtù di quanto emerge nella missiva pubblicata.

  • Chi invia l’istanza non ha certezza se potranno ricevere l’importo totale per l’acquisto dei libri o solo una parte.
  • Le istanze possono essere inoltrate dal 20 agosto al 20 settembre di quest’anno, tenendo conto che il 17 c.m. aprono le scuole, e solo dopo il 20 i Comuni potranno sapere i nominativi dei beneficiari e chissà quanto tempo ci vorrà per erogare i benefici ai destinatari.
  • Potranno ricevere il beneficio solo i destinatari che avranno dimostrato di aver acquistato i libri.

Questo significa che la spesa per i libri deve essere anticipata, e che succede se qualcuno non può farlo?

In questo caso ci troviamo in una negazione del DIRITTO allo STUDIO, agli studenti “colpevoli” di avere dei genitori “poveri”.

Non sappiamo se la Signora riuscirà ad avere risposte a quanto richiesto agli Enti competenti e se la propria figlia riuscirà a frequentare normalmente il ciclo scolastico con il timore di non avere i libri che li necessitano.

Concludendo, si investono ingenti somme per diminuire la dispersione scolastica, senza assicurare, almeno, durante il ciclo scolastico obbligatorio, i testi scolastici agli studenti “indigenti” dal punto di vista economico.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *